<
NEWS
In arrivo il Reddito Energetico per il fotovoltaico
In arrivo il Reddito Energetico per il fotovoltaico
12/06/2020 INFORMAZIONI IMPIANTI MEDIELETTRA RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

In Medielettra ogni giorno riceviamo numerosissime richieste di informazioni sulle detrazioni fiscali al 110% per fotovoltaico, accumulo e colonnine di ricarica in vigore dal prossimo 1° luglio.

Siamo ancora in attesa dei decreti attuativi per sapere come realizzare fattivamente gli interventi di efficentamento energetico del cosiddetto Decreto Rilancio, che è già al vaglio un ulteriore provvedimento in grado di diffondere ancor di più l'impiego di energia rinnovabile in Italia, il cosiddetto Reddito Energetico.

Si tratta di una misura per le famiglie in difficoltà economiche, proposta dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, che consentirà ai cittadini con redditi bassi l’installazione di impianti fotovoltaici a costo zero, producendo energia elettrica pulita, abbassando i consumi e le spese in bolletta.

Per Medielettra però non si tratta di una novità! Già nel 2018 infatti abbiamo contribuito alla prima esperienza italiana in tal senso, installando quasi 50 impianti fotovoltaici, su tetti singoli e condominiali, GRATUITI per i cittadini di Porto Torres, in Sardegna.

Il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, introducendo la misura, ha parlato proprio della sperimentazione avvenuta con successo a Porto Torres, in cui grazie al Fondo Rotativo indetto dal Comune è stato possibile installare gratuitamente impianti fotovoltaici nelle case delle fasce meno abbienti della popolazione.

I cittadini beneficiari hanno ottenuto risparmi in bolletta pari in media a 150 euro/anno e finanziato ulteriori impianti fotovoltaici attraverso le somme erogate dal GSE per lo Scambio Sul Posto. L’energia prodotta in eccesso ha generato infatti risorse economiche che hanno alimentato il Fondo per altre installazioni.

Nel primo anno a Porto Torres sono stati risparmiati dai cittadini 9 mila euro, raccolti 8 mila euro che hanno alimentato il Fondo Rotativo e prodotte ben 65 tonnellate di Co2 in meno.

Alla luce di questi risultati si è deciso di estendere il Reddito a livello nazionale per diffondere le rinnovabili, abbattere bollette e consumi, garantire la democrazia energetica e sostenere i cittadini in difficoltà.

Il Dipartimento per la Programmazione Economica (DiPE) di Palazzo Chigi, ha deliberato uno stanziamento di 200 milioni di euro per l’istituzione di un fondo nazionale dedicato al Reddito Energetico per creare un circolo virtuoso tra politiche sociali, economiche e ambientali.

Nelle prossime settimane saranno emanati i provvedimenti attuativi che definiranno tempi, modalità e requisiti anche per questa ulteriore misura di efficentamento energetico in Italia, di cui Medielettra vi darà notizia!